itenfrdeptes

Gli isolatori sismici elastomerici Tec IG sono utilizzati per l’isolamento alla base di strutture inserendosi tra la parte superiore della costruzione e le sue fondazioni.
Il meccanismo di isolamento è reso possibile dalla caratteristica del dispositivo di avere una sensibile deformabilità orizzontale a fronte di una maggiore rigidezza nei confronti dei carichi agenti in direzione verticale.
Ciò consente di ottenere l’aumento del periodo proprio di oscillazione della struttura che risulta spostato verso zone dello spettro in corrispondenza delle quali risultano minori le accelerazioni e le forze associate.
In questo modo si limitano gli effetti del sisma sulle strutture portanti ma anche nei confronti delle parti non strutturali degli edifici e di tutto ciò che vi è contenuto garantendo, quindi, la funzionalità anche dopo l’evento sismico.
La divisione vulcanizzazione del gruppo Tec ha posto in campo tutte le proprie conoscenze tecnologiche per la ricerca di mescole elastomeriche che rispondessero ai requisiti ottimali per la realizzazione degli isolatori. Oggi il gruppo Tec presenta tre tipologie di mescola, dalla morbida alla dura con un modulo Gdin pari a 0,4, 0.8 e 1,4 MPa come definito nella norma europea EN UNI 15129 parte 8.
Per tutte le mescole impiegate si ottiene un coefficiente di smorzamento pari al 15% con i limiti di tolleranza previsti dalla normativa.

 

La sperimentazione dei dispositivi Tec è stata condotta presso i laboratori dell’Università della Basilicata e successivamente presso il Politecnico di Milano. Ad oggi i test di controllo produzione in fabbrica (FPC) per i lotti di produzione vengono condotti presso la Sismalab in conformità alla normativa NTC 2018 e UNI EN 15129 per la marcatura CE.

Il video illustra i test FPC condotti su un isolatore elastomerico del Tipo IG 300_76_S.

Si tratta di una agevolazione fiscale che resterà in vigore sino al 31 dicembre 2021, consistente in detrazioni IRPEF rivolte a chi sostiene interventi su immobili finalizzati all'adozione di misure antisismiche, tema purtroppo molto attuale nel nostro Paese, che nell’ultimo decennio ha subito terremoti e fenomeni di natura sismica estremamente intensi e distruttivi.
Tali interventi possono essere realizzati sia sugli immobili di tipo abitativo che su quelli utilizzati per le attività produttive, situati nelle zone sismiche ad alta pericolosità (zone 1 e 2) e nelle zone sismiche a minor rischio (zona sismica 3), individuate dall’ordinanza del Presidente del Consiglio dei ministri n. 3274 del 20 marzo 2003.


La detrazione fiscale può arrivare fino all’ 85%, tenendo conto che tale agevolazione risulta più elevata nei casi in cui alla realizzazione degli interventi consegua una significativa riduzione del rischio sismico.

La Tec Group, rivolgendosi ai privati che intendendo usufruire di questa importante agevolazione, propone la realizzazione di accurati interventi di adeguamento sismico, di varia tipologia, che vanno dalla fase di valutazione del rischio  fino alla progettazione e realizzazione.  

A scopo illustrativo, si riportato le immagini di alcuni lavori di miglioramento/adeguamento sismico eseguiti dalla Tec Group srl.

Figura 1  - Intervento di isolamento sismico alla base di un edificio, condotto mediante l’impiego di slitte bidirezionali (Tec DISC MD) e l’irrigidimento delle strutture in c.a. poste al di sotto del primo solaio.

 

Figura 2 - Intervento di isolamento sismico mediante l’introduzione di isolatori elastomerici (TEC IG), previa realizzazione di un telaio metallico di supporto e di un solaio di interpiano per la formazione di locali tecnici.

 

Figura 3 – Intervento antisismico realizzato con l’impiego di dispositivi antisismici Brad (Tec BRD); data la particolare struttura del fabbricato sono stati impiegati controventi metallici e dissipatori con risposta di tipo non lineare elastoplastico.

Si precisa che la realizzazione degli interventi sopra rappresentati, ha consentito il raggiungimento di un livello di protezione sismica delle opere fino al 100%, senza la necessità di dover intervenire con lavori di risanamento e manutenzione dopo il verificarsi di eventi sismici.  

 

Per maggiori approfondimenti contattare in nostro ufficio Tecnico-Commerciale al 080 5525243  o all’indirizzo : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Vista una struttura a telaio in c.a. è possibile intervenire, per il miglioramento sismico, mediante l’inserimento di controventi dissipativi con l’obbiettivo di ridurre l’effetto delle azioni orizzontali sul plesso strutturale indirizzando l’energia trasmessa dal sisma in zone opportunamente concepite in termini di resistenza e capacità dissipativa, telai dissipativi.

 

La Tec Group Srl progetta e realizza i dissipatori a comportamento isteretico denominati TecNLD tipo BR, conosciuti sul mercato anche come Brc ( Buckling Restrained braces ). Tali dispositivi, montati su opportuni telai o controventi, sono particolarmente adatti ad essere utilizzati per l’adeguamento sismico in edifici realizzati da telai in c.a., c.a.p.  o acciaio.

 

Qui viene rappresentato un intervento realizzato con i TecNLD tipo BR in un plesso scolastico sito nella provincia dell’Aquila danneggiato dal sisma del 2009. Vista la tipologia della struttura sono stati impiegati controventi metallici utilizzando i dissipatori TecNLD BR.

 

In alcuni casi, i dispositivi sono stati inseriti nei telai interni della struttura e rivestiti da tramezzature lasciando delle botole d’ispezione in corrispondenza dell’elemento deformabile.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.